logo_04.png

      

  • Pubblicazioni

Torna indietro

 

/inst/formadeltempo/public/data/general/Copertina-Nudge-Solutions-Program.png

Nudge Solutions Program

Massimo Lugli, Paolo Bruttini. "Nudge Solutions Program. Cambiamento gentile e strumenti per una leadership aperta". Guernini Next srl, 2022.

 

 

Dialogo, fiducia, cambiamento gentile: concetti chiave di un approccio all’organizzazione che ribalta le prospettive più tradizionali, partendo non dal comportamento, ma da ciò che lo determina. 

È l’approccio presentato da Paolo Bruttini e Massimo Lugli in questo saggio semplice e pieno di soluzioni concrete (arricchito da un caso aziendale esposto dalla consulente e formatrice Barbara Faussone), che fa tesoro dei più interessanti filoni dello Sviluppo Organizzativo, dall’Open Organization all’Agile. 

Occuparsi di Sviluppo Organizzativo oggi significa comprendere in primo luogo la natura sostanzialmente dialogica della realtà, in particolare della realtà lavorativa, interpretata sotto la chiave del Nudge. La cosiddetta «spinta gentile» di cui parla il premio Nobel 2017 Richard H. Thaler, applicata a questo specifico ambito, assume la forma di architetture relazionali per aiutare le persone a esprimere il meglio di sé, riducendo gli sforzi e i conflitti. 

Il libro raccoglie e descrivere una quarantina di strumenti per la facilitazione. Gli autori hanno svolto un importante e utile lavoro di sintesi, organizzando per categorie quelli che hanno definito “nudge tool”. Si tratta di “architetture relazionali” da utilizzare nella maggior parte dei casi in gruppo con lo scopo di stimolare, favorire, canalizzare i contributi delle persone coinvolte. Questi strumenti – appartenenti al mondo del Design Thinking, delle Liberating Structures, della filosofia Agile, etc – presentano forti analogie tra di loro:

  • si fondano sulla fiducia che nel gruppo di lavoro ci siano molte risorse;
  • attivano processi di coinvolgimento di tutti i membri del gruppo;
  • chi guida l’esperienza di utilizzo dello strumento agisce con un ruolo di facilitatore, si occupa del processo e non del contenuto del lavoro di gruppo.

Acquista l’ebook 

 

Torna indietro